FacebookLogoInstagramLogoLinkedinLogo

Il nostro lavoro
è proteggere il tuo

Il nostro lavoro è proteggere il tuo

Se riguarda la sicurezza sul lavoro riguarda noi di Fulgard

perche_1.png
perche_2.png
perche_3.png
perche_4.jpg
perche_5.png
perche_6.png
Salute, Sicurezza, Ambiente

Perché tutti, nel loro ambiente professionale,
si sentano protetti.

Perché tutti, nel loro ambiente professionale, si sentano protetti.

Salute, sicurezza, ambiente sono i tre pilastri che, in Fulgard, diventano azioni.
Ascoltiamo le necessità, studiamo e comprendiamo i vincoli normativi, entriamo nel cuore dell’azienda
perché ciascuna attività proceda senza rischi nella sostanza, non solo dal punto di vista formale.
Ecco perché ci poniamo come unico partner di sicurezza.
Salute, sicurezza, ambiente sono i tre pilastri che, in Fulgard, diventano azioni. Ascoltiamo le necessità, studiamo e comprendiamo i vincoli normativi, entriamo nel cuore dell’azienda perché ciascuna attività proceda 
senza rischi nella sostanza, non solo dal punto di vista formale. Ecco perché ci poniamo come unico partner di sicurezza.
Vision

Per un paese
produttivo più sicuro

Condividere i valori, diffondere i servizi, portare la filosofia di Fulgard ovunque: è la sfida con cui, nei prossimi anni, possiamo costruire insieme alle imprese l’intera filiera della sicurezza.
Mission

Proteggere
facendo cultura

Aiutare le persone a rientrare a casa la sera come l'hanno lasciata la mattina: un obiettivo concreto, a cui si aggiungono la cultura della sicurezza e la responsabilità verso tutti, dagli operatori agli amministratori fino ai dirigenti delle aziende. Mentre noi pensiamo alla loro tutela loro pensano, in piena libertà, al loro business.

“Responsabilità, senso di appartenenza, orgoglio e uno
sguardo sempre attento alla ragion d’essere del nostro fare:

questo significa essere parte di Fulgard.”

“Responsabilità, senso di appartenenza, orgoglio e uno sguardo sempre attento alla ragion d’essere del nostro fare: questo significa essere parte di Fulgard.”

LAMBERTO CUPPINI
CEO